Biblioteca Multimediale Marxista


Arrigo Cervetto e la nascita dei Gruppi Anarchici di Azione Proletaria (1949-1951)


Il movimento anarchico si ricostituisce nell'immediato dopoguerra su due posizioni nettamente contrastanti rispetto all'azione politica da svolgersi in direzione del proletariato. Da un lato i gruppi del Sud, orientati verso un'azione prevalentemente propagandistica e favorevoli a una netta delimitazione dalle organizzazioni politiche e sindacali del movimento operaio. Dall'altro  i gruppi del Centro-Nord che, forti del ruolo attivo svolto nella lotta armata contro i nazi-fascisti, premono per un'azione di massa a diretto contatto, se non addirittura all'interno, delle strutture proletarie esistenti (sindacati, case del popolo, cooperative, ecc.). GiÓ alla fine del giugno 1945 si svolge a Milano un convegno interregionale della Federazione Comunista Libertaria Alta Italia nel corso del quale viene approvata una risoluzione nella quale si afferma che "nonostante la caduta del fascismo, l'impalcatura capitalistica e monarchica non Ŕ stata neppure intaccata e che perci˛ la lotta antiborghese deve continuare pi¨ intensa sfruttando tutte le possibilitÓ che si presentano", prima fra tutte il lavoro all'interno del "Fronte della Giovent¨", egemonizzato dagli stalinisti, "per cercare di costituire nel suo seno un vero fronte rivoluzionario". A tal fine viene costituita una Federazione Giovanile Comunista Libertaria Alta Italia presente con gruppi consistenti di giovani operai a Milano, Torino e in Liguria. E' attraverso questo canale che un gruppo di militanti rivoluzionari, fra cui i liguri Arrigo Cervetto e Lorenzo Parodi, formatisi giovanissimi nella lotta partigiana e disgustati della politica di unitÓ nazionale del PCI togliattiano entrano in contatto con il movimento anarchico alla ricerca una pi¨ marcata collocazione di classe e di una pi¨ autentica caratterizzazione rivoluzionaria. Costituitasi la Federazione Anarchica Italiana (FAI) nel congresso di Carrara del settembre 1945, questi giovani militanti ne vanno a rappresentare la componente pi¨ vivace sia sul piano dell'azione politica che nel dibattito accesissimo in corso sul tema dell'organizzazione. Di fronte a un PCI staliniano che pare onnipotente e che sfrutta il mito dell'URSS per consolidare la sua egemonia sul proletariato, i giovani libertari iniziano a teorizzare la necessitÓ di una pi¨ salda omogeneitÓ politico-organizzativa e di un approccio pi¨ attento alla esperienza della rivoluzione russa. Vengono fatti circolare testi  semisconosciuti quali la Piattaforma Machno-Arsinov e si comincia a parlare della necessitÓ di una organizzazione anarchica che vada al di lÓ delle esistenti forme di coordinamento, manifestamente insufficienti a supportare un lavoro in profonditÓ nella classe operaia. Gli avvenimenti del  1948, con il pieno dispiegarsi anche in Italia della guerra fredda, la sconfitta del Fronte Popolare, l'attentato a Togliatti e l'insurrezione abortita che ne consegue, costringono anche la FAI a una chiarificazione interna.  All'inizio del 1949 i giovani si costituiscono in un "comitato di coordinamento" che vede tra i suoi promotori Arrigo Cervetto e Pier Carlo Masini. Polemizzando con la posizione "resistenzialista" della rivista "VolontÓ" che tenderebbe a ridurre l'anarchismo a puro movimento d'opinione e a mera protesta individuale, i giovani rivendicano una pi¨ chiara scelta di classe. Nel mese di settembre il Comitato inizia la pubblicazione di un notiziario, inizialmente per il Lazio e la Toscana, con il titolo de "L'Impulso".  Richiamandosi all'acceso dibattito sviluppatosi nel congresso di Livorno della FAI (aprile 1949), la redazione de "L'Impulso", di cui il ventunenne Cervetto rappresenta una delle voci pi¨ interessanti, individua nel "basso livello ideologico" dei libertari la principale ragione della persistente incapacitÓ del movimento anarchico italiano a "sviluppare un lavoro coordinato e responsabile" verso il proletariato. Da qui la "necessitÓ di iniziare alla base un paziente lavoro di restaurazione teorica allo scopo di rianimare i compagni disorientati o ideologicamente deboli". Non secondario Ŕ il terreno organizzativo. GiÓ dal primo numero de "L'Impulso" appare evidente come per il gruppo il problema dell'organizzazione rappresenti l'asse portante della nuova presenza libertaria che si vuole affermare. Sulla rivista appare una lunga serie di articoli dedicati ad una minuziosa descrizione dei criteri su cui costruire i gruppi locali e sulle caratteristiche che tali gruppi debbono assumere a seconda delle realtÓ in cui operano. Negli articoli si distingue fra gruppi territoriali, gruppi aziendali e gruppi incaricati di funzioni specifiche, con il risultato di disegnare un capillare schema organizzativo funzionale a un intervento in profonditÓ nella classe e nella societÓ. Le posizioni de "L'Impulso" suscitano la sdegnata e compatta reazione della parte pi¨ tradizionalista della FAI che accusa i giovani di pericolosi cedimenti verso il marxismo. Decisa Ŕ la replica della rivista che nel numero di novembre-dicembre 1949, dopo aver rimproverato ai "vecchi" l'abbandono nei fatti dei termini "socialista" e "comunista", afferma che "l'ideologia della classe operaia... Ŕ data non da una mitica creazione degli strati proletari, nÚ, da un'astratta invenzione di intellettuali ispirati, ma dalla somma delle esperienze della classe operaia stessa: esperienze elaborate, organizzate, formulate dalla minoranza rivoluzionaria". In quest'ottica le critiche di "UmanitÓ Nova" non appaiono del tutto destituite di fondamento. Alla ricerca di un punto di riferimento teorico ed organizzativo, il gruppo de "L'impulso" va progressivamente recuperando tematiche proprie del  marxismo rivoluzionario in uno sforzo di sintesi che alla lunga si rivelerÓ impossibile. Ma procediamo con ordine. Nel marzo 1950 a Genova un convegno di gruppi  giovanili si schiera decisamente per la nascita di un nuovo movimento anarchico "orientato e federato" che abbandoni la prassi tradizionale della totale autonomia di azione politica dei singoli gruppi  in favore di un unico orientamento vincolante per tutti gli aderenti. A spingere di pi¨ in questa direzione sono i liguri ed in particolare Arrigo Cervetto e il giovane operaio genovese Lorenzo Parodi, giÓ delegato al congresso di Livorno della Fai dell'aprile 1949. Particolare risalto viene dato al dibattito in corso nella Federazione Anarchica francese ed in particolare alle tesi di G. Fontenis a cui soprattutto guardano con attenzione Cervetto e Parodi. La reazione della FAI Ŕ drastica. Il congresso della Federazione, tenutosi ad Ancona nel dicembre 1950, delibera l'espulsione dei gruppi dissidenti e riconferma "il concetto tradizionale del movimento anarchico aperto: non esclusivamente politico, con un'ideologia molteplice pur nell'unitÓ del suo orientamento antiautoritario, non strutturato nell'organizzazione...". Immediatamente dopo il congresso di Ancona il "movimento orientato e federato" si costituisce in vera e propria organizzazione politica autonoma con il nome di Gruppi Anarchici di Azione Proletaria (G.A.A.P.). E' Arrigo Cervetto a sviluppare un'articolata analisi del capitalismo italiano posta a fondamento della svolta "realistica" rappresentata da una nuova concezione dell'anarchismo, pi¨ adeguata alla complessitÓ dei tempi e fondata sullo studio scientifico della societÓ e su una pi¨ omogenea visione organizzativa. Nel Convegno Nazionale di Genova-Pontedecimo (28-29 febbraio 1951) i G.A.A.P. approvano il progetto di tesi programmatiche "Sulla liquidazione dello Stato come apparato di classe" redatto da Arrigo Cervetto. Nel documento la lotta per il comunismo affonda le sue radici in uno studio accurato delle tendenze di fondo della societÓ capitalistica e necessita contro ogni illusione spontaneistica e volontaristica di una salda concezione organizzativa e del massimo grado di chiarezza e omogeneitÓ teorica. Una prospettiva coerente per una organizzazione composta in gran parte da giovani operai (28 anni Ŕ l'etÓ media dei delegati al Convegno di Genova per due terzi operai e per un terzo studenti) in gran parte ancora privi di una vera formazione politico-teorica. Nonostante il personaggio di maggior spicco resti ancora Pier Carlo Masini, Ŕ Cervetto a  caratterizzare in profonditÓ il taglio politico de "L'Impulso". Diventata organo dei G.A.A.P. la rivista si dedica prevalentemente ad un'opera di chiarificazione  teorica con particolare attenzione ai problemi organizzativi. Dopo l'editoriale che occupa la prima pagina di ogni numero, largo spazio viene dato all'azione sindacale (Lorenzo Parodi) e all'analisi della politica internazionale (Arrigo Cervetto), mentre apposite rubriche si rivolgono in particolare ai compagni pi¨ giovani con consigli su come e cosa studiare. E' un taglio, che ritroveremo a partire dal 1957 in "Azione Comunista" e successivamente in "Lotta Comunista", frutto di una visione, sistematica e di prospettiva, impermeabile alle mode del momento e al volontarismo effimero, dell'agire politico che rappresenta, a nostro parere, il cardine del pensiero rivoluzionario di Arrigo Cervetto e il suo principale contributo alla ripresa del marxismo rivoluzionario in Italia.